Queste le principali novità introdotte a partire dal 23 ottobre 2019:

L’Isee corrente potrà essere rilasciato al verificarsi di una di queste tre situazioni: a) interruzione o riduzione dell’attività lavorativa; b) variazione della situazione reddituale superiore al 25%; c) interruzione dell’erogazione dei trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche. In tale ultima ipotesi l’ISEE corrente viene calcolato sulla base dei redditi degli ultimi dodici mesi o degli ultimi due mesi (che saranno moltiplicati per sei) parimenti a quanto avviene nell’ipotesi del lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta la perdita, sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

E’ stato, inoltre, modificato il periodo di validità dell’ISEE corrente presentato dalla data del 23 ottobre 2019, estendendolo da due mesi a sei mesi, decorrenti dalla data di presentazione del modello sostitutivo. L’Inps spiega che occorre, tuttavia, aggiornare l’ISEE corrente prima della scadenza qualora, durante il periodo di validità dell’ISEE corrente, intervengano variazioni della situazione occupazionale (un componente il nucleo ha trovato una nuova occupazione) o nella fruizione dei trattamenti (un componente ha iniziato la fruizione di un trattamento previdenziale, assistenziale e indennitario, laddove non rientrante nel reddito complessivo ai fini IRPEF). In tal caso l’aggiornamento dell’ISEE corrente in corso di validità deve effettuarsi entro due mesi dalla variazione.

By Published On: Ottobre 31st, 2019Categories: fiscale, News, sostegno al reddito0 Comments on Isee CorrenteTags:

Share This Story, Choose Your Platform!

Recent Works

Tags